Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:tasso_roma:spintariscopio

Spintariscopio (o rivelatore a scintillazione)

Numero di Inventario 306
Nome dello strumento Spintariscopio (o rivelatore a scintillazione)

Dati scientifici

Epoca 900’
Costruttore
Dimensioni (in mm.) altezza(40mm),diametro(30mm)
Materiali (legno, metallo, vetro, plastica, gomma, ecc.) Cuoio, metallo e vetro
Descrizione La parte principale è un piccolo cilindro di vetro ricoperto di cuoio con dentro piccole particelle di vetro.
Funzionamento Lo scintillatore è connesso al fotomoltiplicatore attraverso una guida di luce. Una particella che passa attraverso lo scintillatore perde energia trasferendola a quest'ultimo con meccanismi particolari cui segue poi l'emissione di fotoni. Negli scintillatori amorfi (plastici, liquidi), l'energia trasferita viene utilizzata per eccitarne le molecole che, poi, diseccitandosi emettono fotoni con un andamento temporale di tipo esponenziale. Negli scintillatori più comuni l'emissione avviene prevalentemente nel violetto, con tempi variabili dai nanosecondi ai microsecondi. Tali fotoni sono poi trasmessi, attraverso una guida di luce opportuna, al fotocatodo del fotomoltiplicatore. Qui i fotoni liberano degli elettroni per effetto fotoelettrico che sono poi accelerati e focalizzati sul primo dinodo. Il rapporto tra il numero dei fotoelettroni prodotti ed il numero di fotoni incidenti sul fotocatodo viene detto “efficienza quantica del fotocatodo”. Per ogni elettrone primario che urta un dinodo, possono essere emessi dai 2 ai 5 elettroni secondari. Introducendo, ad esempio, 14 stadi di moltiplicazione, si raggiungono fattori di moltiplicazione di circa un miliardo. La carica raccolta (integrale dell'impulso) e l'ampiezza degli impulsi sono proporzionali all'energia depositata nello scintillatore. Gli scintillatori possono essere organici o inorganici (i quali hanno una migliore risposta di luce, ma sono più lenti nella risposta temporale rispetto a quelli organici).
Bibliografia
Eventuale iscrizione
Inventore Sir W. Crookes

Dati storici

Data di entrata
Inventario
Vecchi numeri di inventario
Donato - comperato - provenienza

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione Inutilizzabile
Descrizione interventi effettuati
Nome restauratore
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica

Dati relativi alla conservazione

Armadio 0
Ripiano 2
Scheda tecnica del produttore no
Collocazione Aula Valerio Mengarini

Sitografia

Inserire la sitografia relativa allo strumento


museiscientifici/tasso_roma/spintariscopio.txt · Ultima modifica: 2020/02/22 10:38 da giulia.oriente