Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:tasso_roma:elettrometro_a_quadranti

Elettrometro a quadrante

elettrometro_a_quadranti.jpeg

Elettrometro a quadrante

Numero di Inventario 304
Nome dello strumento Elettrometro a quadranti

Dati scientifici

Epoca Fine XIX sec. / inizio XX sec.
Costruttore Leybold
Dimensioni (in mm.) altezza(245 mm), larghezza(45 mm), lunghezza massima (150 mm)
Materiali Metallo e vetro
Descrizione Principalmente è costituito da due parti di ferro collegate tra loro da un tubo metallico. Quella sopra è cava e si può vedere l’interno tramite due lastre di vetro. Sempre su questa parte sono presenti due involucri di metallo sempre allungati.
Funzionamento Mediante due batterie esterne, due quadranti opposti, collegati tra loro (A1 e A3 nelle figure sotto), vengono portati a potenziale positivo rispetto all’involucro esterno collegato a terra, mentre gli altri due (A2 e A4) sono portati a potenziale negativo, instaurando un campo elettrico tra i diversi settori. La d.d.p. da misurare è applicata, attraverso il filo conduttore, tra l’equipaggio mobile e la terra e determina la rotazione dell’equipaggio stesso dalla parte dei quadranti caricati di segno opposto; la sagomatura di quest’ultimo è studiata in modo tale che l’angolo di rotazione sia proporzionale alla d.d.p. da misurare. Tale angolo può essere misurato con estrema sensibilità e precisione attraverso il metodo classico dello specchietto di Poggendorf.
Eventuale iscrizione Leybold, made in Germany
Inventore W. Thomson

Dati storici

Data di entrata -
Inventario -
Vecchi numeri di inventario 163
Provenienza -

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione Inservibile
Descrizione interventi effettuati -
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica -

Dati relativi alla conservazione

Armadio O
Ripiano 3
Scheda tecnica del produttore No
Collocazione Aula Valerio Mengarini

Sitografia

museiscientifici/tasso_roma/elettrometro_a_quadranti.txt · Ultima modifica: 2021/04/18 18:13 da lorenzo.savino