Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:tasso_roma:elettroforo_di_volta

Elettroforo di Volta

Elettroforo di Volta

Numero di Inventario 38
Nome dello strumento Elettroforo di Volta (base)

Dati scientifici

Epoca Inizi XX sec.
Costruttore N.d.
Dimensioni (in mm.) Altezza: 120; Diametro: 170
Materiali Lamiera, legno, ebanite
Descrizione Lo strumento è costituito da uno strato di resina contenuta in un piatto metallico, e da un disco metallico dotato di manico isolante (scudo).
Funzionamento Lo strumento è una macchina elettrostatica a induzione in grado di accumulare e separare cariche elettriche. Lo strato di resina veniva caricato negativamente per strofinio; si poneva poi lo scudo a contatto con lo strato di resina. Per induzione lo scudo si carica di segno positivo sulla faccia prospiciente la resina e di segno negativo sulla faccia superiore. Toccando con un dito la faccia superiore, le cariche negative si scaricano a terra e scocca una scintilla. Lo scudo rimane così carico positivamente. Se si solleva lo scudo e si scarica l'elettricità positiva, si può disporre di nuovo lo scudo sullo strato di resina e ripetere le operazioni precedenti senza che la resina debba essere rielettrizzata. Per tale motivo Volta denominò il dispositivo elettroforo perpetuo.
Inventore

Dati storici

Data di entrata Anni '20 XX secolo
Inventario N.d.
Vecchi numeri di inventario 259
Donato - comperato - provenienza Acquistato

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione Buono
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica Dimostrazione delle forze elettrostatiche

Dati relativi alla conservazione

Armadio P
Ripiano 2
Scheda tecnica del produttore No
Collocazione Aula Valerio Mengarini

Sitografia

museiscientifici/tasso_roma/elettroforo_di_volta.txt · Ultima modifica: 2020/02/20 09:59 da giulia.fadda