Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:tasso_roma:dinamo_di_pacinotti

Dinamo di Pacinotti

Dinamo

Una dinamo è una macchina che trasforma lavoro meccanico, ricevuto da una fonte di energia meccanica o da un motore a corrente alternata, in energia elettrica sotto forma di corrente continua.

Numero di Inventario 14
Nome dello strumento Dinamo di Pacinotti

Dati scientifici

Epoca 1920 circa
Costruttore N.d.
Dimensioni (in mm.) Lunghezza:430 Larghezza:310 Altezza:220
Materiali Legno, metallo
Descrizione La macchina è composta da un anello di ferro dolce, sulla cui periferia esterna sono presenti un certo numero (pari) di denti dello stesso materiale, uniformemente spaziati. Sull’anello, in corrispondenza di ogni vano fra i denti, è avvolta una bobina. Tutte le bobine sono collegate in serie (indotto) ed ogni punto di collegamento fra una bobina e la successiva è connesso ad una lamina di ottone, fissata su di un piccolo cilindro di materiale isolante solidale con il gruppo dell’anello (rotore). L’asse del rotore è disposto verticalmente tra due supporti: l’insieme è detto “Anello di Pacinotti”. Il cilindretto che porta le varie lamelle, detto “collettore”, è in contatto, in due punti diametralmente opposti, con due rotelle di ottone (spazzole) che costituiscono il contatto elettrico fra la parte mobile e quella fissa del dispositivo. L’anello ruota fra le espansioni polari di una elettrocalamita (statore) i cui poli semicircolari abbracciano, in parte, l’anello. I denti radiali, che sporgono dall’anello, riducono la distanza (traferro) fra lo statore ed il rotore, migliorando l’efficienza del dispositivo.
Funzionamento La macchina è reversibile, potendo funzionare sia da generatore di tensione quasi continua (dinamo) sia da motore. Nell’impiego come dinamo si fa ruotare l’”Anello” intorno al proprio asse, agendo sulla manovella e fornendo in tal modo del lavoro meccanico. Nelle bobine dell’indotto si producono forze elettromotrici legate alla variazione di flusso del campo di induzione magnetica concatenato con le stesse; tali forze elettromotrici sono riportate sui morsetti collegati alle spazzole, opportunamente posizionate rispetto allo statore. Un utilizzatore resistivo collegato all’apparecchio è percorso da una corrente “quasi” continua. Nel funzionamento come motore, al contrario, applicando una forza elettromotrice continua ai morsetti collegati alle spazzole si genera, negli avvolgimenti di indotto, un campo magnetico che, interagendo con quello dato dall’elettromagnete di statore opportunamente eccitato, sviluppa una coppia motrice che fa ruotare l’“Anello”.
Inventore Antonio Pacinotti

Dati storici

Data di entrata Metà XX secolo
Inventario N.d.
Vecchi numeri di inventario 188
Provenienza Acquistato

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione Buono
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica Trasformzione del lavoro meccanico, ricevuto da una fonte di energia meccanica o da un motore a corrente alternata, in energia elettrica sotto forma di corrente continua.

Dati relativi alla conservazione

Armadio P
Ripiano 1
Scheda tecnica del produttore No
Collocazione Corridoio primo piano ala destra

Sitografia

museiscientifici/tasso_roma/dinamo_di_pacinotti.txt · Ultima modifica: 2020/04/26 12:09 da aldo.piazza