Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:piloalbertelli_roma:macchina_di_wimshurst

Macchina di Wimshurst

Descrizione

Macchina di Wimshurst

Numero di Inventario 769
Nome dello strumento Macchina di Wimshurst

Dati scientifici

Epoca 1889
Costruttore Nouvelles machines Bonetti
Dimensioni (in mm.) 650mm altezza, 480mm laghezza, 230mm profondità
Materiali (legno, metallo, vetro, plastica, gomma, ecc.) sughero, metallo, plastica
Descrizione Lo strumento poggia su una base rettangolare e si compone di una ruota mossa da una manovella che trasmette il movimento grazie a due cinghie. Ai lati vi sono due condensatori. Ad essi sono collegati due elettrodi. E' presente anche un'asta a cui sono collegati dei filamenti di carta.
Funzionamento Grazie al movimento discorde delle due piastre della ruota, queste per strofinio si caricheranno con segno opposto. La carica raggiunge e si accumula nei condensatori per induzione. Quando si raggiungerà una differenza di potenziale sufficiente si genererà una scarica tra i due elettrodi
Bibliografia \
Eventuale iscrizione \
Inventore Jamnes Wimshurst

Dati storici

Data di entrata \
Inventario Vecchio inventario di fisica (612)
Vecchi numeri di inventario 612
Donato - comperato - provenienza \

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione \
Descrizione interventi effettuati \
Nome restauratore \
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica \

Dati relativi alla conservazione

Armadio 2
Ripiano D
Scheda tecnica del produttore No
Collocazione Armadio corridoio presidenza


museiscientifici/piloalbertelli_roma/macchina_di_wimshurst.txt · Ultima modifica: 2020/02/20 15:19 da paolo.alushi