Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:massimo_roma:apparecchiodisilbermannmassimo

Apparecchio di Silbermann

Numero di Inventario 10/2018
Nome dello strumento Apparecchio di Silbermann

Dati scientifici

Epoca
Costruttore
Dimensioni (in mm.) Lunghezza:255 Larghezza:155 Altezza:510
Materiali (legno, metallo, vetro, plastica, gomma, ecc.) Ottone,acciao,vetro e plexiglas
Descrizione Questo strumento consiste essenzialmente in una corona circolare di metallo (diametro 20 cm) sul cui bordo è inciso un goniometro con i quadranti da 0° a 90°. La luce di un piccolo proiettore viene collimata e inviata sull’oggetto relativo all’indagine ottica. Il fascio di luce così ottenuto può essere fatto ruotare intorno all’oggetto ottico posto al centro del disco e, per ogni posizione assunta, se ne può misurare l`angolo. Sull’asse del cerchio ci sono due alidade girevoli, i cui indici determinano i valori degli angoli da esse formati col diametro verticale ed anche quelli dei rispettivi seni, per mezzo di due squadre graduate, scorrevoli su un`astina verticale. Nell’esemplare che ci è pervenuto manca la squadra graduata inferiore. L’oggetto in dotazione da esaminare è un classico semicilindro di vetro, con la faccia piana rivolta verso l’alto. Esso può essere sostituito da uno specchio piano o da una vaschetta semicilindrica da riempire con un liquido. L’alidada più lunga porta una fenditura e uno specchio piano girevole; questi servono a orientare il raggio luminoso. Sull’altra alidada c`è uno schermo in vetro smerigliato, con due linee di riferimento, per visualizzare il raggio riflesso o rifratto.
Funzionamento Apparecchio universale per misurare la riflessione,rifrazione e la riflessione totale In ottica, per la misura degli angoli, è stato adottato un sistema di riferimento in cui si dà il valore 0° alla direzione normale alla superficie di separazione dei due mezzi ottici. L’angolo col quale un raggio proveniente dal primo mezzo incide su una superficie del secondo mezzo è chiamato angolo di incidenza i: esso indica di quanto è inclinato il raggio rispetto alla normale. L’angolo con cui viene riflesso dalla stessa superficie si chiama angolo di riflessione r. Analogamente, l’angolo col quale un raggio si osserva nel secondo mezzo è chiamato angolo di rifrazione r.
Bibliografia Roberto Vergara Caffarelli, STRUMENTI SCIENTIFICI TRA XVIII E XIX SECOLO NEL DIPARTIMENTO DI FISICA DELL'UNIVERSITA' DI PISA, in: C.A. Segnini e R. Vergara Caffarelli, ANTICHI STRUMENTI SCIENTIFICI A PISA (SEC. XVII-XX), pp. 138-139, Pisa, 1989
Eventuale iscrizione Officine Galileo, Firenze.Numero 1/4522
Inventore Otto von Guericke.

Dati storici

Data di entrata
Inventario
Vecchi numeri di inventario
Donato - comperato - provenienza

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione
Descrizione interventi effettuati
Nome restauratore
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica

Dati relativi alla conservazione

Armadio 1
Ripiano 3
Scheda tecnica del produttore no
Collocazione Laboratorio di Fisica

Sitografia

museiscientifici/massimo_roma/apparecchiodisilbermannmassimo.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)