Strumenti Utente

Strumenti Sito


museiscientifici:giuliocesare_roma:pendolo_waltenhofen

Pendolo di Waltenhofen

Macchina di Wimshurst

Numero di Inventario
Nome dello strumento Pendolo di Waltenhofen

Dati scientifici

Epoca 1855
Costruttore Adalbert C.von Waltenhofen
Dimensioni (in mm.) 360 X 243 X 410
Materiali (legno, metallo, vetro, plastica, gomma, ecc.) legno, metallo, plastica
Descrizione Il telaio d'ottone sorregge un pendolo composto. All'estremità dell'asta puo' essere fissato uno dei quattro elementi in rame del corredo. Alla base del pendolo vi sono due avvolgimenti di filo per trasformare una parte del supporto in una elettrocalamita. I due blocchi di ferro (espansioni polari) dirigono il campo magnetico ortogonalmente al pezzo del corredo che viene fatto oscillare sul pendolo.
Funzionamento In assenza di corrente il pendolo con pezzi pieni oscilla per molto tempo (rallenta solo a causa dell'attrito) mentre, in presenza di corrente, esso si ferma molto velocemente a causa delle correnti parassite nel rame. Montando invece il pendolo con pezzi tagliati l'azione frenante delle correnti parassite è meno marcata.
Bibliografia
Eventuale iscrizione
Inventore Adalbert C. von Walterhofen

Dati storici

Data di entrata
Inventario
Vecchi numeri di inventario 170-265
Donato - comperato - provenienza

Dati relativi al restauro

Stato di conservazione Buono
Descrizione interventi effettuati Nessun intervento
Nome restauratore
Osservazioni - Utilizzazione per la didattica

Dati relativi alla conservazione

Armadio 10
Ripiano A
Scheda tecnica del produttore Soc.L.Amatori (Roma)
Collocazione Corridoio I piano

Sitografia

Link Descrizione
Pendolo di Waltenhofen Pagina web con la descrizione e il funzionamento.
museiscientifici/giuliocesare_roma/pendolo_waltenhofen.txt · Ultima modifica: 2020/11/18 13:06 (modifica esterna)