Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:spettroscopio

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
fisica:strumenti:spettroscopio [2020/01/29 16:58]
angelo.calo
fisica:strumenti:spettroscopio [2020/01/29 17:03] (versione attuale)
angelo.calo
Linea 23: Linea 23:
 Oltre allo spettroscopio a prisma ritratto in foto e descritto sopra, ci sono: Oltre allo spettroscopio a prisma ritratto in foto e descritto sopra, ci sono:
 Lo spettroscopio a reticolo di diffrazione in foto sotto; ​ Lo spettroscopio a reticolo di diffrazione in foto sotto; ​
-[[fisica:​strumenti:​spettroscopioportatile|Lo spettroscopio ​tascabile]], versione più piccola di quello a prisma.+[[fisica:​strumenti:​spettroscopioportatile|lo spettroscopio ​portatile]], versione più piccola di quello a prisma ​e [[fisica:​strumenti:​spettroscopiotascabile|lo spettroscopio tascabile]].
 {{ :​fisica:​strumenti:​unnamed.jpg?​nolink&​200 |}} {{ :​fisica:​strumenti:​unnamed.jpg?​nolink&​200 |}}
 Lo spettroscopio a reticolo di diffrazione scompone la luce secondo le lunghezze d'onda (visibilii ad occhio umano- 400mn/​800mn). In particolare,​ nell'​ottica,​ si occupa della dispersione della luce.  Come mostrato nella figura qui accanto, il nostro strumento è costituito da una lastra di cartone sulla cui superficie è incisa una scala graduata, costituita da  una serie di linee parallele, uguali ed equidistanti,​ a distanze confrontabili con la lunghezza d'onda della luce. Inoltre, sono riportate anche diverse lunghezze d'onda specifiche di alcuni elementi. Lo spettroscopio viene usato per separare i colori della luce, sfruttando la sua natura ondulatoria. La proprietà fondamentale dei reticoli è che l'​angolo di deviazione di tutti i fasci rifratti dipende dalla lunghezza d'onda della luce incidente. Quindi, ​ un fascio di luce policromatica viene separato nelle varie lunghezze d'onda che lo compongono.Per la prima volta lo spettroscopio a reticolo di diffrazione fu costruito attorno al 1785 da David Rittenhouse,​ legando dei capelli attorno ad una coppia di viti con una filettatura molto ravvicinata. Lo spettroscopio a reticolo di diffrazione scompone la luce secondo le lunghezze d'onda (visibilii ad occhio umano- 400mn/​800mn). In particolare,​ nell'​ottica,​ si occupa della dispersione della luce.  Come mostrato nella figura qui accanto, il nostro strumento è costituito da una lastra di cartone sulla cui superficie è incisa una scala graduata, costituita da  una serie di linee parallele, uguali ed equidistanti,​ a distanze confrontabili con la lunghezza d'onda della luce. Inoltre, sono riportate anche diverse lunghezze d'onda specifiche di alcuni elementi. Lo spettroscopio viene usato per separare i colori della luce, sfruttando la sua natura ondulatoria. La proprietà fondamentale dei reticoli è che l'​angolo di deviazione di tutti i fasci rifratti dipende dalla lunghezza d'onda della luce incidente. Quindi, ​ un fascio di luce policromatica viene separato nelle varie lunghezze d'onda che lo compongono.Per la prima volta lo spettroscopio a reticolo di diffrazione fu costruito attorno al 1785 da David Rittenhouse,​ legando dei capelli attorno ad una coppia di viti con una filettatura molto ravvicinata.
fisica/strumenti/spettroscopio.txt · Ultima modifica: 2020/01/29 17:03 da angelo.calo