Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:ripetitore_acustico

Pagina inserita nel sistema QC, deve completare le fasi di revisione ed approvazione. Se sei tutor o borsista Lab2Go puoi partecipare alla revisione. Contattaci per maggiori informazioni.


LAB2GO Scienza

Ripetitore acustico

Un segnale acustico è una trasmissione di informazione tramite un fenomeno acustico, ovvero un fenomeno vibrazionale del mezzo di trasmissione (aria, acqua, solido, ecc..).

Le vibrazioni acustiche sono costituite da frequenze normalmente udibili dagli esseri umani, da circa 20 Hz a circa 22 000 Hz. Al di sotto si hanno gli infrasuoni, udibili da elefanti e grossi animali. Al di sopra si hanno gli ultrasuoni, udibili da cani, cetacei e pipistrelli (gli esseri umani invece non avvertono nulla, come se il segnale acustico non fosse presente).

Tipicamente una sorgente emette vibrazioni acustiche che si trasmettono attraverso il mezzo fino al raggiungimento della destinazione. In questo modo viene trasmessa l'informazione.

Esempio: la bocca produce il suono della voce, l'aria lo trasmette all'orecchio dell'interlocutore.

Immagine da Wikimedia

Il ripetitore acustico permette di portare a una determinata distanza un allarme con una segnalazione acustica che avrà un funzionamento continuo o intermittente.

La seguente formula fornisce la possibilità di calcolare ad una data distanza il contributo sonoro di una sorgente di potenza sonora nota, nel caso di sorgente puntiforme (dimensioni spaziali trascurabili) e campo libero (sorgente isolata e assenza di ostacoli).

Leq=Lw-10 Log 10(4πr²)

Leq= Potenza del segnale a distanza r

Lw= Potenza del segnale emessa dalla sorgente

Sitografia

Link Descrizione
WikimediaDiagramma della portata degli ultrasuoni
fisica/strumenti/ripetitore_acustico.txt · Ultima modifica: 2021/12/19 19:31 da qcadmin