Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:reostato

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
fisica:strumenti:reostato [2019/09/23 14:30]
127.0.0.1 modifica esterna
fisica:strumenti:reostato [2020/01/30 15:19] (versione attuale)
camilla.dini
Linea 9: Linea 9:
 ===DESCRIZIONE=== ===DESCRIZIONE===
  
-Il Reostato è un resistore ​a resistenza variabile. Nella pratica si chiamano reostati i resistori variabili di dimensioni tali da poter dissipare in calore una potenza elettrica non trascurabile. I resistori variabili di piccola potenza sono normalmente realizzate utilizzando due dei tre terminali di un potenziometro:​ il centrale ed uno dei due estremi. Differentemente dal potenziometro il reostato è quindi un componente a due terminali (bipolo). ​+Il Reostato è un apparecchio ​a resistenza variabile. Nella pratica si chiamano reostati i resistori variabili di dimensioni tali da poter dissipare in calore una potenza elettrica non trascurabile. I resistori variabili di piccola potenza sono normalmente realizzate utilizzando due dei tre terminali di un potenziometro:​ il centrale ed uno dei due estremi. Differentemente dal potenziometro il reostato è quindi un componente a due terminali (bipolo). ​
 E'​costituita da un sostegno isolante (nel caso illustrato a sezione rettangolare) sul quale è avvolto un filo ‘nudo’ a spire molto strette ma non a contatto; questo filo è in genere di materiale ad alta resistività (manganina o argentana) con gli estremi terminanti su due morsetti. Un cursore o contatto strisciante può scorrere lungo tutto l’avvolgimento. E’ collegato con un terzo morsetto ed è a contatto con il filo. E'​costituita da un sostegno isolante (nel caso illustrato a sezione rettangolare) sul quale è avvolto un filo ‘nudo’ a spire molto strette ma non a contatto; questo filo è in genere di materiale ad alta resistività (manganina o argentana) con gli estremi terminanti su due morsetti. Un cursore o contatto strisciante può scorrere lungo tutto l’avvolgimento. E’ collegato con un terzo morsetto ed è a contatto con il filo.
 Le caratteristiche di un reostato sono la sua resistenza massima, ottenuta quando il cursore è a fondo corsa, e l’intensità della corrente che può sopportare, dovuta alla sezione e al materiale del filo conduttore. Le caratteristiche di un reostato sono la sua resistenza massima, ottenuta quando il cursore è a fondo corsa, e l’intensità della corrente che può sopportare, dovuta alla sezione e al materiale del filo conduttore.
fisica/strumenti/reostato.txt · Ultima modifica: 2020/01/30 15:19 da camilla.dini