Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:lampade_spettrali

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
Prossima revisione
Revisione precedente
Prossima revisione Entrambe le parti successive la revisione
fisica:strumenti:lampade_spettrali [2018/03/14 18:13]
127.0.0.1 modifica esterna
fisica:strumenti:lampade_spettrali [2019/02/06 16:48]
federica.marcone
Linea 6: Linea 6:
    
  
- ​====== ​LAMPADE SPETTRALI ​======+ ​====== ​Lampade Spettrali ​======
  
  
Linea 18: Linea 18:
  
 ====Storia==== ====Storia====
-Il fenomeno dell'​emissione di luce da parte di una scarica elettrica è stato studiato a partire dalla seconda metà del XIX secolo da scienziati quali Charles Wheatstone e Jean Foucault. La scarica era ottenuta accostando due elementi metallici o barrette di grafite in aria atmosferica. Questo tipo di lampada è stata usata per diverso tempo prima dell'​invenzione della lampadina a incandescenza e anche successivamente dove erano richiesti flussi luminosi elevati. Gli svantaggi principali di questa tecnica sono: il rapido consumo degli elettrodi, la necessità di regolarne continuamente la distanza (sia per l'​innesco che per il deterioramento),​ l'​instabilità della luce prodotta e l'​eccessiva intensità di questa per usi comuni. I primi problemi erano in parte risolti con l'​utilizzo di meccanismi a orologeria che avvicinavano progressivamente gli elettrodi.+Il fenomeno dell'​emissione di luce da parte di una scarica elettrica è stato studiato a partire dalla seconda metà del XIX secolo da scienziati quali Charles Wheatstone e Jean Foucault. La scarica era ottenuta accostando due elementi metallici o barrette di grafite in aria atmosferica. Questo tipo di lampada è stata usata per diverso tempo prima dell'​invenzione della lampadina a incandescenza e anche successivamente dove erano richiesti flussi luminosi elevati.\\ Gli svantaggi principali di questa tecnica sono: il rapido consumo degli elettrodi, la necessità di regolarne continuamente la distanza (sia per l'​innesco che per il deterioramento),​ l'​instabilità della luce prodotta e l'​eccessiva intensità di questa per usi comuni. I primi problemi erano in parte risolti con l'​utilizzo di meccanismi a orologeria che avvicinavano progressivamente gli elettrodi.
 Successivi studi e perfezionamenti crearono una varietà di lampade in cui la scarica avviene attraverso un gas a pressione inferiore a quella atmosferica. ​ Successivi studi e perfezionamenti crearono una varietà di lampade in cui la scarica avviene attraverso un gas a pressione inferiore a quella atmosferica. ​
  
fisica/strumenti/lampade_spettrali.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)