Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:generatore_di_energia_elettrostatica_con_scarico_dell_energia_accumulata_nelle_bottiglie_di_leida_tramite_due_elettrodi

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Prossima revisione
Revisione precedente
fisica:strumenti:generatore_di_energia_elettrostatica_con_scarico_dell_energia_accumulata_nelle_bottiglie_di_leida_tramite_due_elettrodi [2019/02/18 16:24]
francesco.massari creata
fisica:strumenti:generatore_di_energia_elettrostatica_con_scarico_dell_energia_accumulata_nelle_bottiglie_di_leida_tramite_due_elettrodi [2019/02/22 14:35]
federicodiego.navarra
Linea 1: Linea 1:
-{{tag>​fisica strumenti fisica:​strumenti}}+{{:​fisica:​strumenti:​260px-wimshurst.jpg?​400|}}{{tag>​fisica strumenti fisica:​strumenti}}
 {{:​barra-strumento-new.png}} ​ [[http://​www.roma1.infn.it/​LAB2GO/​index.html|{{:​fisica.jpg?​nolink&​|LAB2GO Scienza}}]] {{:​barra-strumento-new.png}} ​ [[http://​www.roma1.infn.it/​LAB2GO/​index.html|{{:​fisica.jpg?​nolink&​|LAB2GO Scienza}}]]
  
Linea 6: Linea 6:
    
  
-FIXME ====== Macchina di Wimshurst ======+FIXME 
 + ====== Macchina di Wimshurst ======
  
 //​**Descrizione**//​ //​**Descrizione**//​
  
 FIXME  FIXME 
-La macchina di Wimshurst è un generatore elettrostatico per generare alte tensioni, sviluppato nel 1889 dall'​inventore britannico James Wimshurst. ​E' ​caratterizzata ​da due dischi montati in verticale che ruotano in direzione opposta e due elettrodi ​per la scarica. Produce scariche elettriche di una lunghezza variabile.  +La macchina di Wimshurst è uno storico ​generatore elettrostatico per generare alte tensioni, sviluppato nel 1889 dall'​inventore britannico James Wimshurst. ​L'aspetto è particolare ed è caratterizzato ​da due dischi montati in verticale che ruotano in direzione opposta e due sfere metalliche ​per la scarica. Produce scariche elettriche di una lunghezza variabile. 
 +La macchina appartiene alla categoria di generatori detti a induzione. Le prime macchine di questo tipo furono inventate da Wilhelm Holtz, August Toepler e J. Robert Voss. Più vantaggiose rispetto alle precedenti macchine a frizione, i primi modelli mostravano la tendenza ad invertire la polarità senza alcun preavviso. La macchina di Wimshurst fu invece la prima a non presentare questo difetto. Gli elementi che costituiscono la macchina sono: legno (supporto), vetro o materiale plastico isolante (dischi), lamine e barre in metallo. 
 +Si fanno ruotare due dischi di materiale isolante in senso opposto. 
 +Sui dischi sono incollati alcuni settori metallici, isolati l’uno dall’altro. I dischi sono posizionati l’uno di fronte all’altro e vengono fatti girare sul loro asse, tramite una manovella, uno in un senso e uno nell’altro. 
 +Inizialmente alcuni settori metallici sono leggermente carichi (la carica può derivare dalla presenza di ioni nell'​aria). Quando un settore carico del primo disco (diciamolo A) si affaccia ad un altro settore (B) del secondo disco induce in questo una separazione di cariche, che scompare quando i due settori si allontanano. Ma se l'​induzione avviene quando il settore B è a contatto con una delle spazzole le cariche fluiscono attraverso il braccio fino all'​altra spazzola e quindi fino al settore metallico diametralmente opposto (diciamolo B*). Quando le spazzole lasciano B e B* questi sono ancora sottoposti ad induzione, per cui rimangono carichi di segno opposto (stesso fenomeno dell'​elettroforo di Volta). B e B* proseguendo la rotazione raggiungono la regione in cui si trovano le spazzole dell'​altro disco e per induzione caricano una coppia di settori dell'​altro disco (con lo stesso meccanismo con cui sono stati caricati). Quindi raggiungono i pettini che li neutralizzano,​ raccogliendo le cariche. Poi raggiungendo nuovamente le spazzole il ciclo ricomincia. Ad ogni giro un settore metallico subisce le seguenti azioni: si carica di segno positivo, carica negativamente per induzione un settore dell'​altro disco, viene neutralizzato da uno dei pettini, si carica di segno negativo, carica positivamente per induzione un settore dell'​altro disco, viene neutralizzato dall'​altro pettine. Consigli pratici: i bracci delle spazzole vanno posizionate ad X ed in modo che ogni settore incontri prima la sua spazzola e poi quella dell'​altro disco; inoltre la loro posizione deve essere tale che l'​istante di distacco di ciascuna spazzola da un settore deve coincidere con l'​istante di massima sovrapposizione dei settori (così si ha il massimo trasferimento di carica per induzione). 
 +Le cariche raccolte dai pettini sono accumulate all'​interno di bottiglie di Leida (condensatori). Quando i condensatori hanno accumulato una quantità sufficiente di carica elettrica, l'​elevata differenza di potenziale tra i poli della macchina fa scoccare una scintilla. La macchina non ha bisogno di alimentatori elettrici per creare la carica iniziale, ma ha bisogno di lavoro meccanico per far girare i dischi. Quando produce scintille di notevole lunghezza (dell'​ordine dei 10-15 cm) diviene un debole emettitore di raggi X.
  
 ===Esperienze=== ===Esperienze===
fisica/strumenti/generatore_di_energia_elettrostatica_con_scarico_dell_energia_accumulata_nelle_bottiglie_di_leida_tramite_due_elettrodi.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)