Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:elettroforodivolta

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
Prossima revisione
Revisione precedente
fisica:strumenti:elettroforodivolta [2019/03/29 17:16]
alice.apponi
fisica:strumenti:elettroforodivolta [2019/09/23 14:30] (versione attuale)
Linea 9: Linea 9:
 //​**Descrizione**//​ //​**Descrizione**//​
  
-L'elettroforo di Volta, detto anche elettroforo perpetuo è un generatore elettrosatatico ​in grado di accumulare ​una modesta quantità di carica elettrica in modo discontinuoIdeato da Alessandro Volta intorno al 1755, è costituito ​da un disco di materiale conduttore ​che si impugna attraverso ​un manico isolante (//scudo//) e viene utilizzato ​in abbinamento ad una superficie in materiale isolante (//​stiacciata//​ o //​focaccia//​ nel linguaggio dell'epoca) e ad un panno di lana ,ebanite oppure ​in passato anche con coda di volpe pelle di gatto.+Lelettroforo ​perpetuo o di Volta deve il suo nome allo scienziato italiano Alessandro Volta che lo propose nel 1775 come strumento ​in grado di accumulare carica elettrica ​e produrre scariche elettriche ​in maniera perpetua. 
 +Esso è uno strumento composto ​da due parti: la “schiacciata”,​ ossia uno strato di materiale isolante e lo “scudo”,​ una lastra ​di materiale conduttore, sorretto da un manico isolante
 +Preventivamente si carica la superficie isolante strofinandola con il panno di lana (effetto triboelettrico), dopodiché si appoggia il disco al piano. 
 +Il sistema si comporta come un condensatore:​ per induzione elettrostatica il disco si carica di segno positivo sulla faccia a contatto con la resina ​di segno negativo sulla faccia superiore. 
 +A questo punto si tocca con un dito la faccia superiore del disco: ​in questo modo lo si mette a terra attraverso il corpo umano e si fa defluire la carica negativa, lasciando il disco caricato positivamente. 
 +Si può utilizzare la carica positiva generata sul disco per effettuare un'esperienza (sollevandolo tramite il manico isolante) e, quando la carica si esaurisce, si può ricaricare il disco semplicemente posizionandolo nuovamente sul piano, senza che occorra strofinare nuovamente il piano isolante di resina. 
 +Conservando ​in un luogo asciutto il piano di resina protetto dallo scudo, esso può rimanere caricato per mesi, motivo per il quale Volta denominò il dispositivo elettroforo perpetuo. 
 +Questo procedimento può essere ripetuto molte volte: questo evidenzia il fatto che nel conduttore si verifichi induzione elettrostatica, ​non un passaggio per contatto ​di carica tra schiacciata e scudo. Se così fosse, infatti, lo strumento si scaricherebbe in pochi passaggi.
  
-Preventivamente si carica la superficie isolante strofinandola con il panno di lana (effetto triboelettrico) , dopodiché si appoggia il disco al piano. Il sistema si comporta come un condensatore:​ per induzione elettrostatica il disco si carica di segno positivo sulla faccia a contatto con la resina e di segno negativo sulla faccia superiore. A questo punto si tocca con un dito la faccia superiore del disco: in questo modo lo si mette a terra attraverso il corpo umano e si fa defluire la carica negativa, lasciando il disco caricato positivamente. +{{:​fisica:​strumenti:​elettroforo.jpg?400|}}
-Si può utilizzare la carica positiva generata sul disco per effettuare un'​esperienza (sollevandolo tramite il manico isolante) e, quando la carica si esaurisce, si può ricaricare il disco semplicemente posizionandolo nuovamente sul piano, senza che occorra strofinare nuovamente il piano isolante di resina. Conservando in un luogo asciutto il piano di resina protetto dallo scudo, esso può rimanere caricato per mesi, motivo per il quale Volta denominò il dispositivo elettroforo perpetuo. +
- +
-{{:​fisica:​strumenti:​img_1200.jpg?450|}}+
  
 //​**Esperienze possibili**//​ //​**Esperienze possibili**//​
fisica/strumenti/elettroforodivolta.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)