Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:strumenti:becco_bunsen

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

fisica:strumenti:becco_bunsen [2019/05/03 11:12]
clemente.smarra
fisica:strumenti:becco_bunsen [2019/09/23 14:30]
Linea 1: Linea 1:
-{{tag>​fisica strumenti fisica:​strumenti}} 
-{{:​barra-strumento-new.png}} ​ [[http://​www.roma1.infn.it/​LAB2GO/​index.html|{{:​fisica.jpg?​nolink&​|LAB2GO Scienza}}]] 
- 
- 
- 
-  
- 
- ​====== Becco Bunsen ====== 
- 
-{{:​fisica:​strumenti:​becco.jpg?​nolink&​400|}} 
- 
-//​**Descrizione**//​ 
- 
- 
-Il becco di Bunsen è un bruciatore a gas usato in chimica. Prende il nome da Robert Wilhelm Bunsen, il chimico e fisico tedesco al quale è erroneamente attribuita l'​invenzione. Il suo assistente di laboratorio Peter Desaga perfezionò un progetto precedente di Michael Faraday. 
-  
- ​==Funzionamento== 
- 
- Il becco di Bunsen brucia un flusso continuo di gas senza rischio che la fiamma abbia un ritorno nel tubo e giunga fino alla bombola. In genere il bruciatore usa gas naturale (sostanzialmente metano con piccole quantità di propano e butano) o, in alternativa,​ gas di petrolio liquefatto (propano, butano o una miscela dei due). 
- 
-Il becco di Bunsen è composto da uno zoccolo con il tubo da cui giunge il combustibile gassoso, che presenta all'​estremità finale un beccuccio, e da un tubo verticale, all'​imboccatura del quale viene acceso il gas. 
-La fiamma del becco di Bunsen nelle varie condizioni 
-da riducente (1) a ossidante (4) in funzione della posizione del manicotto 
- 
-Il tubo verticale è forato in due punti per l'​accesso dell'​aria ed è ricoperto da un manicotto, anch'​esso munito di due buchi: ruotando il manicotto si può regolare quanto i suoi buchi coincidano con quelli del tubo. In questo modo è possibile avere una maggiore o minore quantità di aria aspirata per effetto Venturi e quindi ottenere una fiamma di diversa natura, ossidante (colore blu) o riducente (colore arancio, usata anche per rendere visibile la fiamma libera quando non si usa l'​apparecchio). La portata del gas è regolata invece da un'​apposita vite. 
- 
-La fiamma raggiunge la temperatura anche di 1410 °C, pari a 1683.15 K, quando è ossidante, e si divide in diverse zone a seconda della temperatura:​ la base della fiamma che raggiunge i 300 °C, la zona di fusione (che si ritrova a circa 2/3 dell'​altezza della fiamma) che raggiunge i 1410 °C. 
- 
-Il becco di Bunsen trova impiego anche nell'​esecuzione dei saggi alla fiamma. 
- 
-Al giorno d'oggi il becco di Bunsen è stato sostituito in molti utilizzi da riscaldatori elettrici (a piastra o manicotto) che hanno il vantaggio di essere più sicuri, facilmente controllabili e di non emettere prodotti di combustione che potrebbero interagire con le reazioni in atto.  
- 
- 
-===Esperienze=== 
- 
- 
-{{tablelayout?​colwidth="​250px,​360px"​}} 
-^ Esperienze possibili ^Descrizione ​    ^^ 
- 
-===Sitografia=== 
- 
- 
-{{tablelayout?​colwidth="​250px,​360px}} 
-^Link ^Descrizione ​ ^ 
-|[[https://​it.wikipedia.org/​wiki/​Becco_di_Bunsen|Becco di Bunsen]] | Breve descrizione del becco di Bunsen| 
- 
-\\ 
- 
  
fisica/strumenti/becco_bunsen.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)