Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:esperienze:misura_errore

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

fisica:esperienze:misura_errore [2019/05/04 16:05] (versione attuale)
clemente.smarra creata
Linea 1: Linea 1:
 +{{tag>​fisica esperienze fisica:​esperienze}}
 +{{:​barra-esperienza-new.png}} ​ [[http://​www.roma1.infn.it/​LAB2GO/​index.html|{{:​fisica.jpg?​nolink&​|LAB2GO Scienza}}]]
 +
 +
 +====== Considerazioni sull'​errore di misura ======
 +
 +//​**Descrizione**//​
 +
 +**SCOPO DELL’ESPERIENZA E BASI TEORICHE:​** ​
 +
 +Si svolge l’esperienza per dimostrare quanto l’errore, di tipo sistematico o casuale, possa influire sulla misurazione e riuscire a determinare il tipo di errore. L’incertezza di una misura è l’effetto complessivo di errori sistematici e di errori casuali:
 +
 + - Gli errori sistematici incidono, per quanto riguarda le misurazioni ripetute, sempre in eccesso o sempre in difetto;
 +
 + - Gli errori accidentali o casuali incidono, in caso di misurazioni ripetute, in modo imprevedibile a volte in difetto a volte in eccesso.
 +
 +**MATERIALE NECESSARIO:​**
 +
 +Per l’esperienza sono necessari una bilancia elettronica,​ una massiera con pesi di 1 g, 2 g, 5 g, 10 g, 20 g, 50 g, 100 g e 200 g.
 +
 +**DESCRIZIONE DELL’ESPERIENZA:​**
 +
 +per ogni massa vengono effettuati un numero N di misurazioni sulla bilancia. Da queste misure capiamo che il tipo di errore è casuale, poiché le misurazioni vanno a volte in eccesso e a volte in difetto rispetto al valore medio delle misure. Effettuate tutte le misure, calcola il valore medio tramite la formula:
 +
 +{{ :​fisica:​esperienze:​padre.png?​nolink&​400 |}}
 +
 +Il valore medio è quello più attendibile della misura di una grandezza poiché in tal modo viene ridotta drasticamente l’incidenza che hanno gli errori casuali sul risultato: infatti, dato che i loro contributi sono a volte negativi e a volte positivi, si eliminano parzialmente. ​
 +
 +**RACCOLTA DEI DATI:​** ​
 +
 +viene calcolato l’errore assoluto: ​
 +
 +{{ :​fisica:​esperienze:​pio.png?​nolink&​400 |}}
 +
 +e l’errore relativo:
 +
 +{{ :​fisica:​esperienze:​barba.png?​nolink&​400 |}}
 +
 +e la deviazione standard o scarto quadratico medio:
 +
 +{{ :​fisica:​esperienze:​bietole.png?​nolink&​400 |}}
 +
 +La deviazione standard è in grado di esprimere la dispersione dei dati interi ad un indice di posizione che può essere la media aritmetica. ​
 +Tutti i dati raccolti (le misurazioni delle masse, il valore medio, gli errori e la deviazione standard) sono stati inseriti in una tabella a porte su un foglio di lavoro Excel:
 +
 +{{ :​fisica:​esperienze:​lab2go_fisica.pdf |}}
 +
 +**ELABORAZIONE DEI DATI:**
 +
 +insieme ai dati raccolti su Excel, abbiamo elaborato un grafico avente come ascissa la massa di riferimento e come ordinata la massa misurata. Viene costruita per una retta avente per ascissa sempre la massa di riferimento e come ordinata il valore medio delle misurazioni effettuate senza l’errore assoluto. Vengono poi costruite altre due rette identiche tranne per il fatto avere come ordinata una il valore medio meno l’errore assoluto e una il valore medio sommato al valore assoluto. Dal grafico capiamo, quindi, di quanto l’errore abbia influenzato la misurazione. ​
 +
 +  ​
 +
 +
 +
 +
 +\\
 +
  
fisica/esperienze/misura_errore.txt · Ultima modifica: 2019/05/04 16:05 da clemente.smarra