Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:esperienze:leggidikirchoff

LAB2GO Scienza

LEGGI DI KIRCHHOFF

Descrizione

LEGGE DELLE CORRENTI La legge di Kirchhoff delle correnti (LKC o LKI o KCL) afferma che, dATA una superficie chiusa che contenga un circuito elettrico in regime stazionario, la somma algebrica delle correnti che attraversano la superficie (con segno diverso a seconda se sono entranti o uscenti) è nulla.In una formulazione semplificata, e definendo una superficie che racchiuda un singolo nodo del circuito, si può dire che in esso la somma delle correnti entranti è uguale alla somma delle correnti uscenti . Se risolvendo il circuito otteniamo un valore negativo di corrente questo significa che il verso effettivo con cui la carica percorre il ramo è l'opposto di quello ipotizzato all'inizio. Se il circuito è in corrente continua la somma va intesa come somma algebrica. Se il circuito è in regime sinusoidale la somma può essere fatta anche sui fasori corrispondenti alle correnti quindi una somma tra vettori La prima legge quindi riflette il fatto che la carica non può mai essere dispersa. Se vengono indicati tutti i possibili tragitti lungo i quali il trasferimento della carica è possibile, e se si è certi che un'emissione effettiva di elettroni o effetti collaterali non esistono, allora la carica nspostata verso un nodo deve uguagliare quella che vi si allontana. Conseguentemente, la velocità totale con cui la carica entra in un nodo, ovvero la corrente in entrata, deve uguagliare la velocità totale della carica che lo lascia, ovvero la corrente in uscita.

LEGGE DELLE TENSIONI: Essa stabilisce che la somma algebrica delle forze elettromotrici presenti nei rami della maglia è uguale alla somma algebrica delle differenze di potenziale ai capi dei restori situati nei rami della maglia. Ricordando la legge di Ohm, la differenza di potenziale ai capi di un resistore di resistenza R percorso da corrente di intensità i vale proprio R i, quindi la legge delle maglie può essere riassunta dalla formula

∑kRk ik=∑kEk

Esiste una convenzione sui segni con i quali intensità di corrente e f.e.m. devono essere prese. Innanzitutto, per ciascuna maglia, scegliamo arbitrariamente un verso di percorrenza, orario o antiorario. Allora valgono le seguenti affermazioni: Se in un ramo di resistenza Rh la corrente di intensità ih ha verso concorde con quello scelto per la maglia cui appartiene, Rh ih ha segno positivo, altrimenti ha segno negativo. Se la sorgente di forza elettromotrice Ek viene attraversata dal senso di percorrenza fissato per la maglia cui appartiene dal polo positivo al polo negativo, essa va presa con segno positivo, altrimenti con segno negativo

Strumenti

Strumenti necessari Descrizione


fisica/esperienze/leggidikirchoff.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)