Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:esperienze:lampadaincandescenza

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Entrambe le parti precedenti la revisione Revisione precedente
Ultima revisione Entrambe le parti successive la revisione
fisica:esperienze:lampadaincandescenza [2018/04/10 13:04]
nikolo.kapaj
fisica:esperienze:lampadaincandescenza [2018/04/10 14:08]
nikolo.kapaj
Linea 9: Linea 9:
 //**La lampada incandescente è una sorgente luminosa in cui la luce viene prodotta dal riscaldamento (mediamente pari a 2 700 K) di un filamento di tungsteno attraverso cui passa la corrente elettrica.**//​ //**La lampada incandescente è una sorgente luminosa in cui la luce viene prodotta dal riscaldamento (mediamente pari a 2 700 K) di un filamento di tungsteno attraverso cui passa la corrente elettrica.**//​
  
-FIXME Inserisci una descrizione+
 Il funzionamento della lampada con filamento di Tungsteno è riconducibile ad una serie di leggi della fisica tradizionale:​ prima fra tutte la legge di “Stefan-Boltzman“,​ secondo la quale l’energia irradiata per secondo da un corpo nero è proporzionale alla temperatura espressa in Kelvin, elevata alla quarta potenza; ovvero E = σT4 dove E=energia irradiata, T=temperatura espressa in Kelvin e σ= costante di Stefan-Boltzmann. Il funzionamento della lampada con filamento di Tungsteno è riconducibile ad una serie di leggi della fisica tradizionale:​ prima fra tutte la legge di “Stefan-Boltzman“,​ secondo la quale l’energia irradiata per secondo da un corpo nero è proporzionale alla temperatura espressa in Kelvin, elevata alla quarta potenza; ovvero E = σT4 dove E=energia irradiata, T=temperatura espressa in Kelvin e σ= costante di Stefan-Boltzmann.
 Da ciò ne deriva che se noi sottoponiamo un corpo nero ad una certa temperatura questo emetterà energia e tanto più elevatà sarà la temperatura a cui esso è sottoposto tanto minore sarà la lunghezza d’onda a cui emettrà radiazione (legge di Wien). Da ciò ne deriva che se noi sottoponiamo un corpo nero ad una certa temperatura questo emetterà energia e tanto più elevatà sarà la temperatura a cui esso è sottoposto tanto minore sarà la lunghezza d’onda a cui emettrà radiazione (legge di Wien).
fisica/esperienze/lampadaincandescenza.txt · Ultima modifica: 2018/04/10 14:08 da nikolo.kapaj