Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:esperienze:interferenzanelbanco_ottico

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

fisica:esperienze:interferenzanelbanco_ottico [2018/03/14 18:13]
fisica:esperienze:interferenzanelbanco_ottico [2019/09/23 14:30] (versione attuale)
Linea 1: Linea 1:
 +{{tag>​fisica esperienze fisica:​esperienze}}
 +{{:​barra-esperienza-new.png}} ​ [[http://​www.roma1.infn.it/​LAB2GO/​index.html|{{:​fisica.jpg?​nolink&​|LAB2GO Scienza}}]]
 +
 +
 + ​====== Interferenza banco ottico (Archimede) ======
 +
 +//​**Descrizione**//​
 +
 +In fisica il fenomeno dell'​interferenza è un fenomeno dovuto alla sovrapposizione,​ in un punto dello spazio, di due o più onde. Quello che si osserva è che l'​intensità o ampiezza dell'​onda risultante in quel punto può essere diversa rispetto alla somma delle intensità associate ad ogni singola onda di partenza; in particolare,​ essa può variare tra un minimo, in corrispondenza del quale non si osserva alcun fenomeno ondulatorio,​ ed un massimo coincidente con la somma delle intensità. In generale, si dice che l'​interferenza è ' costruttiva ' quando l'​intensità risultante è maggiore rispetto a quella di ogni singola intensità originaria, e ' distruttiva ' in caso contrario. ​
 +{{ :​fisica:​esperienze:​luce_prova_cruciale0327.jpg?​400|}}
 +
 +//​**Procedimento di misura:**//
 +
 +1.Coprendo una delle due fenditure, osservare come cambia la figura sulla lavagna,che mostra il solo contributo diffrattivo. Scompaiono infatti le modulazione ​ interne al profilo di diffrazione.
 +
 +2.Osservare che, mentre nel caso della diffrazione,​ l’intensita` luminosa sullo schermo varia tra massimi differenti, nel caso dell’interferenza non si ha una variazione nell’intensita` tra massimi adiacenti.
 +
 +3.Osservare la variazione delle frange d’interferenza al variare della distanza tra le fenditure. Variando la distanza tra le fenditure si modifica infatti la struttura delle frange di interferenza che divengono via via piu` spaziate all’aumentare della distanza tra le fenditure stesse. Al limite la figura di interferenza sparisce.
 +
 +4.Osservare cosa avviene invece se si cambia la dimensione delle fenditure. In questo caso e` il contributo di diffrazione a cambiare forma e non piu` la sua modulazione interna legata all’interferenza.
 +
 +5.Osservare infine la figura relativa al reticolo di diffrazione,​ cercando di individuare i contributi relativi alla diffrazione e all’interferenza tra fendituredifferenti.
 +
 +6.Attaccare sulla lavagna bianca un foglio di carta millimetrata,​ facendo attenzione a disporlo in modo esattamente orizzontale ortogonalmente alla direzione di incidenza del fascio.
 +
 +7.Allineare il disco fissando una determinata coppia di fenditure.
 +
 +//​**Scopo:​**//​
 +
 +Lo scopo di questo esperimento e` osservare la natura ondulatoria della luce ,nel fenomeno dell'​interferenza porpria delle onde.
 +In particolare,​ si osservera` il comportamento di un fascio di luce dalle caratteristiche note , prodotto da un diodo laser (o da una lampada) , quando interferisce dopo essere passato attraverso due fenditure. ​  
 +
 +===Strumenti===
 +
 +{{tablelayout?​colwidth="​250px,​360px}}
 +^Strumenti necessari^
 +|[[fisica:​strumenti:​banco_ottico|Banco Ottico]]|
 +|Diodo laser|
 +|Lavagna |
 +|Fenditura di larghezza variabile |
 +
 +===Sitografia===
 +https://​it.wikipedia.org/​wiki/​Interferenza
 +http://​fisicaondemusica.unimore.it/​Interferenza.html
 +  ​
 +
 +
 +
 +
 +\\
 +