Strumenti Utente

Strumenti Sito


fisica:esperienze:capillarita_dei_liquidi

LAB2GO Scienza

Capillarità dei liquidi

Introduzione

La capillarità è l'insieme di fenomeni dovuti alle interazioni fra le molecole di un liquido e un solido (per esempio le pareti di un recipiente) sulla loro superficie di separazione. Le forze in gioco che si manifestano in tale fenomeno sono la coesione, l'adesione e la tensione superficiale.

Quando la superficie dei vasi comunicanti è curva, nella parte concava si genera una pressione maggiore di quella esistente nella parte convessa. Per ristabilire l'equilibrio tra queste pressioni, il liquido dovrà salire o scendere di un certo volume. Il fenomeno è più evidente nei tubi capillari poiché in questi è maggiore la parte di liquido a contatto con le pareti del recipiente rispetto al volume totale e quindi la parte di liquido che genererà le forze di adesione sarà maggiore e perciò lo spostamento del livello del liquido all'interno del capillare sarà maggiore. Il liquido si posizionerà quindi sempre più in alto se il diametro della sezione diminuisce.

Descrizione:

L’esistenza di tali forze di adesione e di coesione giustifica il fenomeno della capillarità, che contrasta col principio dei vasi comunicanti. Se tra questi alcuni sono capillari (diametro interno minore di 2-3 mm), nel caso di liquidi che bagnano il livello è più alto nei vasi quanto più piccolo è il loro diametro. Per i liquidi che non bagnano, il livello è tanto più basso quanto più piccolo è il diametro. Infatti il dislivello tra il liquido in un vaso normale e quello in un vaso capillare, comunicanti tra loro, è inversamente proporzionale al diametro di quest’ultimo (secondo la legge di Borelli-Jurin).

Strumenti necessari
Vasi comunicanti e Tubi capillari

Scheda didattica

Sitografia e approfondimenti

fisica/esperienze/capillarita_dei_liquidi.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)