Strumenti Utente

Strumenti Sito


chimica:esperienze:apparato_di_distillazione

LAB2GO Scienza

Apparato di distillazione

La distillazione è una tecnica utilizzata per separare due o più sostanze presenti in una miscela, che sfrutta la differenza dei punti di ebollizione di tali sostanze. È usata sia per separare miscele complesse (ottenendo in uscita più miscele, ciascuna avente una diversa composizione) sia per purificare singole sostanze (ottenendo in uscita una corrente contenente la sostanza desiderata ad un'elevata purezza e una corrente di scarto contenente le impurità presenti nell'alimentazione).

È una tecnica nota sin dal Medioevo, applicata inizialmente alla produzione di bevande alcoliche. Successivamente è stata applicata in numerosi processi chimici, tra cui la separazione del petrolio grezzo nei suoi diversi componenti. L'apparecchiatura utilizzata per svolgere tale operazione è detta colonna di distillazione anche se inizialmente si utilizzava l'alambicco. Una tipica apparecchiatura di laboratorio per la distillazione è costituita dalle seguenti parti:

  1. un becco di Bunsen (o sverniciatore) o, per evitare fiamme libere, un agitatore magnetico con bagno d'olio a riscaldamento elettrico, con cui si scalda la miscela da separare;
    1. un pallone (o caldaia) per contenere il liquido da distillare;
    2. un'ancoretta magnetica, accoppiata all'agitatore, posta nella caldaia per favorire il riscaldamento omogeneo della massa, oppure delle sferette di vetro o pezzi di pomice per evitare un'ebollizione violenta e improvvisa;
    3. una colonna di distillazione, spesso in vetro;
    4. un tubo di Claisen che convoglia i vapori al condensatore in cui vengono raffreddati;
    5. un termometro, montato in cima al Claisen per misurare la temperatura dei vapori che vanno nel condensatore;
    6. uno o più palloni o beute per la raccolta delle varie frazioni del distillato.

In genere, si riscalda il liquido in caldaia fino ad ebollizione. I composti più volatili raggiungeranno prima il condensatore e il risultante liquido sarà la cosiddetta “testa di distillazione”. Quando il termometro, il cui bulbo è posto all'altezza dell'entrata del condensatore, misura la temperatura di ebollizione del composto desiderato, si cambia pallone o beuta di raccolta in cui si raccoglie tutta la frazione che condensa a quella temperatura. Una volta che la temperatura dei vapori supera il punto di ebollizione del composto da distillare, si interrompe il riscaldamento: i liquidi più altobollenti rimarranno in caldaia e formeranno la “coda di distillazione”.

Strumenti

Strumenti necessari Descrizione
colonna di distillazione esterificazione di Fisher

Sitografia

chimica/esperienze/apparato_di_distillazione.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)