Strumenti Utente

Strumenti Sito


biologia:strumenti_disponibili:il_vischio_e_sua_biologia

Tavola descrizione Vischio e sua biologia-produzione scentifica paravia

Questa tavola parla della bilogia e anatomia del vischio

           IL VISCHIO E LA SUA BIOLOGIA
                                               

Il vischio inzio' adattarsi in molteplici piante gia' dall'ultima glaciazione;ha sviluppato in diverse piante caratteri sia di spazio,ecologiche, morfologiche,anatomiche e fisiologiche.

SISTEMATICA E DIFFUSIONE Nel nostro pianeta esistono più di 1100 specie di piante identificate come “vischio”. In Europa, il vischio cresce su circa 40 specie di alberi (Tabella 1) e, proprio in funzione dell’ospite che colonizza, si divide in tre sottospecie o “razze ospiti”.

•IL VISCHIO DELL'ABETE: si troVA soltanto nelle specie del genere Abies in Svizzera in particolare soltanto sull’abete bianco.

•IL VISCHIO DEL PINO:vive su diverse specie di pino,si puo'trovare,ma molto raramente,anche sull'abete rosso.

•IL VISCHIO DELLE LATIFOGLIE:presenta la più vasta gamma di ospiti, è possibile trovarlo infatti su numerose latifoglie indigene e non. Tuttaavia nonparassitizza mai in specie molto diffuse come il faggio ed è raro che lo si trovi anche sulle querce indigene.

l vischio è una pianta cespugliosa che appartiene alla famiglia delle Viscaceae E’ un arbusto semiparassita che si sviluppa spontaneamente nelle aree boschive d’Europa e d’America. Prospera aggrappato ad alberi ospiti come la quercia, il pioppo, il melo e il biancospino. è una pianta appartenente alla famiglia delle Viscaceae o Santalaceae che cresce come parassita sulle piante, a mazzetti con foglie verdi e bacche perlacee. La coltivazione del vischio è praticata per fini ornamentali: in primavera si recidono parti di ramo da una pianta ospite (quercia, olmi, pioppi, tigli e noci) e si innesta su di essi, schiacciando una bacca di vischio matura.

La moltiplicazione naturale avviene tramite il trasporto delle bacche da parte di uccelli, come la tordela o turdus viscivorus, che le lasciano cadere sugli alberi.

Dopo un paio di anni il vischio inizierà a crescere spontaneamente.

Il vischio è una pianta epifita, emiparassita, che necessita di un ospite per l’approvvigionamento dell’azoto.

Le foglie verdi sono in grado di compiere il processo di fotosintesi, ma non di ricavare azotoHa fusto corto e molto ramificato, di colore verde intenso; il portamento è tondeggiante, con dimensioni comprese tra i 20 e i 50 cm

Ulteriori informazioni su: Vischio - Piante da Giardino Questi arbusti crescono come parassiti, insinuando la base del fusto sotto la corteccia degli alberArbusti https://www.giardinai, e nutrendosi della linfa della pianta ospite; in marzo-aprile producono piccole infiorescenze ascellari, costituite da fiorellini bianco-giallastri; le piante femminili in autunno producono anche piccoli frutti rotondi, appiccicosi, di colore bianco, dalla consistenza gelatinosa, contenenti un singolo seme. La germinazione di questa varietà avviene in primavera e per capire se i vostri semi hanno attecchito dovrete controllare se sulla corteccia si sono formati dei rigonfiamenti. Bisogna ricordare che un fattore importante per il loro sviluppo è legato alla temperatura; infatti più questa sarà alta più in fretta i semi germineranno. La crescita del vischio sarà piuttosto lenta e ci vorranno degli anni prima di ottenere il risultato, ma una volta avuto, la soddisfazione sarà enorme.

biologia/strumenti_disponibili/il_vischio_e_sua_biologia.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)