Strumenti Utente

Strumenti Sito


biologia:esperienzedaremoto2021:aracnidi

ARACNIDI

Gli aracnidi sono una classe di artropodi appartenenti al subphylum dei chelicerati. Il loro corpo è diviso in due parti, quella anteriore chiamata prosoma (o cefalotorace) e quella posteriore detta opistosoma (o addome). Presentano 8 zampe. Hanno inoltre un primo paio di appendici,chiamate cheliceri,con funzioni relative alla difesa e all'alimentazione, ed un secondo paio, dette pedipalpi, con funzione sensoriale, locomotoria, riproduttiva o fossoria (cioè utilizzata per scavare nel terreno) a seconda dell'ordine. Negli ordini più evolute (come gli acari) il prosoma e l'opistosoma sono fusi insieme. Gli ordini più conosciuti sono quelli dei ragni e degli scorpioni.

ecco alcuni esempi di aracnidi

Nome comune Ragno vespa
Phylum Arthropoda
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Specie Argiope bruennichi
Commento Il nome comune deriva dalla particolare livrea della femmina, a strisce gialle e nere, che ricorda appunto una vespa. Le dimensioni della femmina variano fra i 2-5 mm, mentre il maschio è in genere mdno della metà. E molto diffusa in Europa, Nord Africa ed Asia, dove vive in quasi tutti gli habitat. Necessita di spazio per costruire le sue ampie tele, perciò predilige in genere arbusti. Se disturbato non è aggressivo, ma si limita a far oscillare rapidamente la propria tela per 15-30 secondi. Se questa tecnica non funziona si dà alla fuga, rimanendo però nei paraggi della tela. In caso di morso, il veleno non ha quasi alcun effetto sull'uomo, escluso un arrossamento della parte interessata ed un lieve dolore causato dal “morso” dei cheliceri.
Nome comune Scorpione peloso del deserto/Scorpione gigante del deserto/Scorpione peloso dell'Arizona
Phylum Arthropoda
Classe Arachnida
Ordine Scorpiones
Specie Hadrurus arizonensis
Commento È lo scorpione più grande del nordamerica, con i suoi 14 cm di lunghezza. Le sue grandi dimensioni gli permettono di nutrirsi di grosse prede quali ragni, altri scorpioni, lucertole e serpenti. È di colorazione giallognola ed è coperto da peli marroni (da cui il nome) che gli permettono di percepire le vibrazioni del terreno. È molto diffuso nei deserti del Messico, del Colorado, dell'Arizona e degli Utah, in cui si trova in valli abassa quota o nei dintorni di esse, in tane scavate nel terreno profonde fino a 2,5 m, da cui esce la notte per cacciare e riprodursi. È molto attivo e aggressivo, tuttavia la sua puntura non è letale per l'uomo ed è paragonabile a quella di un'ape (potrebbero però verificarsi violente reazioni allergiche).
Nome comune Ragno pavone
Phylum Arthropoda
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Specie Maratus volans
Commento La specie è caratterizzata da una danza rituale di accoppiamento, durante la quale maschio si slancia in una vistosa esibizione davanti alla femmina, alzando il terzo paio di zampe; contemporaneamente solleva il variopinto ventaglio posteriore, elevato sopra l'opistosoma, che lo rende simile al pavone. la lunghezza in entrambi i sessi arriva a 5 mm, mentre gli esemplari femmina e maschi immaturi possiedono una colorazione marrone ( hanno modelli di colore per cui possono essere distinti dalle specie correlate.Questa specie in particolare è stata rilevata nei territori del Queensland, del Nuovo Galles del Sud, del Victoria, del Territorio della Capitale Australiana, Australia Occidentale e Tasmania. Sia per le sue dimensioni che per la quantità che sono in grado di iniettare, questi ragni danzanti non costituiscono un pericolo per l’uomo e non hanno nemmeno il minimo interesse per il nostro genere umano. In più essi non costruiscono ragnatele ed hanno un rapporto con l'ambiente circostante di grande curiosità e desiderio di interazione.ragno-pavone.jpg
Nome comune Ragno della frusta
Phylum Arthropoda
Classe Arachnida
Ordine Amblypygi
Specie Damon diadema
Commento Questa affascinante creatura si trova principalmente nella parte dell’Africa equatoriale, in particolare in Tanzania e Kenia. Il suo habitat naturale consiste in zone ricche di cavità e caverne in cui nascondersi; questo perché l’animale è estremamente schivo oltre ad essere notturno. Si nutre principalmente di piccoli insetti come i grilli. Può inoltre accadere che, specialmente nel periodo di muta o in assenza di spazio vitale, il Damon diadema si abbandoni al cannibalismo di suoi simili più piccoli o di diversa taglia. Il Damon è docile ed innocuo per l’essere umano, perciò non è raro che sia tenuto in terrari come animale domestico.Le dimensioni sono di circa 3/4 cm di corpo mentre contando invece l’estensione di zampe e fruste, raggiungono i 25/30 cm circa.Le fruste che riporta nella parte anteriore sono straordinari organi sensoriali che dunque sono tenuti continuamente in movimento durante le attività dell’animale; inoltre possiede anche due pedipalpi che utilizza per immobilizzare le prede. La sostanziale differenza tra i due sessi sta nella lunghezza dei pedipalpi che per il maschio sono notevolmente più lunghi. Prima dei due anni di vita, ovvero fino alla maturità sessuale, non è possibile sostanzialmente definire il sesso del Damon. L’aspettativa di vita di un esemplare è di circa 15 anni.
Nome comune Ragno dei cammelli/ Scorpione del vento
Phylum Arthropoda
Classe Arachnida
Ordine Solifugae
Specie Galeodes arabs
Commento Questo curioso aracnide non è in realtà né un ragno né uno scorpione, ma un rappresentante dell'ordine delle solifugae (che fuggono dal sole), così chiamate per il loro continuo cercare zone d'ombra in cui ripararsi dal caldo atroce delle zone desertiche in cui vivono. Questo animale è stato oggetto di “leggende metropolitane” durante la guerra in Iraq del 2003: i soldati americani raccontavano di questo enorme e velocissimo predatore, in grado di divorare capre, uomini e cammelli(da cui il nome); altre versioni affermano che questo essere è in grado di “sputare veleno” per stordire le sue prede e di intrufolarsi sotto i cammelli per poi saltare e divorarne lo stomaco, oltre a poter lanciare terrificanti grida. In realtà lo “scorpione del vento” è lungo al massimo 15-16 cm, non è velenoso (si basa nella caccia solamente sui suoi possenti cheliceri, grandi circa un terzo del corpo), non è in grado di emettere rumori più forti di un fruscio se minacciato e si nutre di lucertole, topi e insetti. Capita che segua le carovane per ripararsi all'ombra di uomini e cammelli. Sembra che abbia 10 zampe,in realtà le prime 2 sono semplicemente degli sviluppatissimi pedipalpi, mentre le vere zampe sono 8 come in ogni aracnide.

Federica Magi, Mattia Magnanti

biologia/esperienzedaremoto2021/aracnidi.txt · Ultima modifica: 2021/06/11 10:08 da claudio.chimenti