Strumenti Utente

Strumenti Sito


biologia:esperienze:cromatografia

LAB2GO Scienza

Cromatografia su carta

La cromatografia su carta e' una tecnica che si basa sul fenomeno della capillarita' per separare piccole quantità di sostanze che compongono una miscela liquida posta all'estremita' di una striscia di carta. La striscia di carta viene posta all'interno di un becher nel quale e' stato inserito un solvente il cui livello è però inferiore al punto in cui la miscela è stata caricata sulla striscia (altrimenti il campione migrerà verso i lati della striscia e non verso l'alto). Dopo un intervallo di tempo variabile quest'ultimo, per capillarita', risale lungo il foglio di carta trascinando con se le sostanze solubili presenti nella miscela, che per affinita' con il solvente stesso si dividono in idrosolubili e liposolubili. In questa tecnica, la fase mobile è rappresentata dal solvente mentre la fase fissa dalla striscia di carta.

LA NOSTRA ESPERIENZA Abbiamo preso in analisi pigmenti quali clorofille e carotenoidi da spinaci senza gambo, estratti pestellando le foglie in un mortaio con 10 ml di etanolo assoluto, e gli antociani (pigmenti idrosolubili) estratti da foglie di radicchio rosso con 10 ml di etanolo assoluto acidificato a pH=3 con acido formico (il pH acido impedisce la loro ossidazione). Il pH e' stato misurato utilizzando una cartina tornasole. Abbiamo usato come eluente una miscela di esano:acetone in rapporto 8:2 (V/V) per separare clorofille, carotenoidi, e antociani. L'eluente e' stato riposto in un barattolo chiuso attendendo qualche minuto affinche' si creasse un ambiente saturo. Abbiamo quindi immerso la punta di un capillare negli estratti per 10 volte per caricare il campione su una striscia di carta da filtro delle dimensioni di 9×3 cm. Abbiamo poi aperto velocemente il barattolo e, una volta inserita la striscia di carta facendola rimanere dritta, lo abbiamo richiuso. Dopo 5/10 minuti abbiamo osservato come i diversi composti si sono separati per affinita' con il solvente: gli antociani, essendo idrosolubili, non migrano lungo la cartina; le clorofille A e B (la prima assume un colore verde scuro, la seconda verde chiaro), essendo piu' liposolubili degli antociani, migrano fino a meta' cartina. Le xantofille e i carotenoidi, che mostrano una colorazione giallo-arancione, sono i composti piu' lipofili, pertanto migrano per una distanza maggiore.

Strumenti

  • becher
  • pipetta capillare
  • barattolo con coperchio
  • esano
  • acetone
  • etanolo assoluto
  • acido formico
  • spinaci
  • radicchio
  • mortaio
  • carta da filtro
  • cartina tornasole
biologia/esperienze/cromatografia.txt · Ultima modifica: 2018/06/26 15:03 da livia.donati