Strumenti Utente

Strumenti Sito


biologia:campioni:osso_compatto

:campione-small.png LAB2GO Scienza

Osso compatto (uomo)

Colorazione: non colorato

Il tessuto osseo compatto costituisce l’80% della massa scheletrica ed è localizzato nella regione più superficiale delle ossa brevi, delle ossa piatte e delle ossa lunghe; costituisce inoltre le diafisi di queste ultime. Come l’altra tipologia di tessuto osseo (osso spugnoso) si tratta di una forma rigida di tessuto connettivo, costituito da una componente cellulare, e da abbondante matrice extracellulare (MEC) che è mineralizzata. Questo tessuto è organizzato in unità strutturali dette osteoni(tratteggio rosso in Figura), costituite da 4-20 lamelle concentriche in cui ogni cellula ossea (osteocita) è distribuita in una cavità a forma di lente biconvessa detta lacuna ossea (ingrandimento Figura). Ciascuna lacuna/osteocita comunica con quelle adiacenti mediante piccoli canali che contengono i prolungamenti citoplasmatici degli osteociti, detti canalicoli ossei (ingrandimento Figura). Al centro dell’osteone è presente un canale centrale, detto canale di Havers, in cui decorrono nervi e vasi, sia sanguigni che linfatici. I vari osteoni comunicano tra di loro, con la cavità midollare e con la superficie libera dell’osso tramite i canali disposti trasversalmente e obliquamente, detti canali di Volkmann. La superficie piu`esterna dell`osso è rivestita da un tessuto connettivo fibroso denso,riccamente vascolarizzato, detto periostio. Oltre a permettere l`accrescimento in larghezza delle ossa, il periostio le protegge da eventuali traumi. Questa membrana avvolge tutte le ossa del corpo umano, fatta eccezione per le superfici articolari e i punti in cui si inseriscono i legamenti muscolari.

Sitografia

biologia/campioni/osso_compatto.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)