Strumenti Utente

Strumenti Sito


biologia:campioni:cuoio_capelluto

:campione-small.png LAB2GO Scienza

Pelle: cuoio capelluto (uomo)

Colorazione: Mallory

La pelle è costituita da due componenti: tessuto epiteliale (epidermide) e connettivo denso (derma). L'epidermide (Fig. a, ingrandimento) presente nel cuoio capelluto è un epitelio pavimentoso (cellule appiattite in superficie) pluristratificato, ovvero formato da strati multipli di cellule, cheratinizzato. In questo tesuto è possibile identificare 5 strati:

  • Strato basale o germinativo, rivolto verso il connettivo sottostante, formato da cellule di forma cilindrica, che hanno una intensa attività proliferativa, ossia vanno incontro a continue divisioni mitotiche.
  • Strato spinoso, intermedio, che deve la sua denominazione al fatto che le cellule presenti in questa regione del tessuto sono provviste di “spine”visibili ad alto ingrandimento, che sono dovute alla presenza di sistemi di giunzione che collegano queste cellule con quelle adiacenti. Sono presenti in questo strato diverse file di cellule di forma poliedrica che hanno perso la capacità proliferativa.
  • Strato granuloso il più scuro, costituito da due o tre strati di cellule provviste di granuli.
  • Strato superficiale, costituito da diversi strati di cellule appiattite, con nucleo centrale e ben evidente. Queste cellule si

staccano facilmente dalla superficie dell’epitelio.

  • Strato corneo è il più esterno ed il più spesso, costituito da lamelle cornee.

La struttura della pelle è molto diversa nelle diverse parti del corpo, e le principlai differenze sono nello spessore, dimensioni ed abbondanza di follicoli piliferi e natura e densità delle ghiandole. La cute sottile del cuoio capelluto e contiene numerosi follicoli piliferi e ghiandole sebacee associate.

Peli e capelli sono annessi della pelle, strutture cilindriche dure e corneificate che si originano nei follicoli piliferi, e attraversano il derma e si proiettano angolarmente, attraverso l’epidermide, sulla superficie esterna. Ad ogni follicolo pilifero è associato (Fig.a) un muscolo erettore del pelo, un piccolo fascio di fibre muscolari lisce innervato dal sistema nervoso simpatico, la cui contrazione provoca il movimento del fusto in posizione più verticale e (Fig.b) una ghiandola sebacea il cui prodotto di secrezione (sebo) ha un ruolo lubrificante. I follicoli piliferi coprono quasi tutta la superficie corporea ad eccezione di poche regioni come il palmo delle mani, la pianta dei piedi, le labbra,ecc.

La crescita del pelo (Fig.b) avviene a livello del bulbo pilifero immagine (Fig.c), una porzione espansa alla base del follicolo, caratterizzato da cellule epiteliali in attiva proliferazione che circondano una papilla di tessuto connettivo detta papilla dermica immagine (Fig.c), altamente vascolarizzata. Lungo il fusto del pelo si osserva una moderata cheratinizzazione della componente epiteliale.

Il tessuto connettivo associato all'epidermide è detto derma, ed è ricco di fibre collagene (responsabili della colorazione azzurra attraverso la miscela di colorazione Mallory).


biologia/campioni/cuoio_capelluto.txt · Ultima modifica: 2019/09/23 14:30 (modifica esterna)